Fogli di Viaggio

Menu

(Ri)Scoprire Firenze

Retro cartolina



Testo cartolina

Oggi la signora Giuliana mi ha chiesto se la potessi aiutare ad inviare una cartolina, perché dice che le città stanno cambiando e non trova più le buche rosse delle lettere.

Siamo state a scegliere l’immagine per ben 10 minuti perché le piaceva ci fosse «questo “cupolone”», (una parola che l’ha fatta tanto ridere).

Mentre eravamo proprio sotto la sua ombra e le raccontavo gli aneddoti più curiosi, mi ha confessato che le dispiace solo di esser venuta in visita a Firenze adesso che è vecchia, anche se – ha aggiunto – forse su un giornale o in TV le sembrava di averla già vista.

Da Santa Maria del Fiore siamo poi andate in Piazza della Signoria e anche quel “castello” come lo ha chiamato lei, non le sembrava nuovo «ma forse perché alla mia nipotina ho sempre raccontato le storie sulle principesse».

Io allora ho provato un po’ a chiedere di lei e della sua famiglia, perché mi piace entrare in contatto con i turisti a cui faccio vedere la mia città, ma la signora Giuliana mi ha risposto che per il momento si ricordava certamente di avere un figlio, Fabio, ma il nome della sua nipotina proprio non se lo ricordava e quasi per giustificarsi ha aggiunto «non la vedo da tempo, ormai».

Passeggiando vicino alla Loggia dei Lanzi si è lasciata andare, però, al ricordo di quando la portava a mangiare il gelato e così ho pensato che una coppetta tre gusti dal Vivoli la potesse aiutare a far riemergere altro ma, disgraziatamente, nel momento in cui ha messo in bocca la prima palettata, mi ha urlato «O come gliè diaccio nini», dimentica di avere la dentiera, e così mi sono trovata a mangiare due gelati per merenda.

Ad avere la nonna con l’Alzheimer qualche pregio c’è: questa volta, son sicura, non dirà al babbo, riaccompagnandomi a casa, che non avrò fame a cena perché ho già mangiato…anche perché mica si ricorda chi sono io.

Pensate che prima di riportarla a casa sua, in Via de’ Servi, dove vive ormai da 40 anni, mi darà la mancia perché le sarò proprio piaciuta come guida turistica, mica perché sono sua nipote! Certo, che buffo, la malattia le cancella il mio volto dalla memoria, ma non la fa smettere di essermi nonna.

 

Categorie:   Cartolina